STANZE

  /  2016   /  Drammatica elementare (J e W della città di K)

di e con Marta Dalla Via e Diego Dalla Via
direzione tecnica Roberto Di Fresco
produzione Fratelli Dalla Via in collaborazione con Piccionaia Centro di Produzione Teatrale

lunedì 21 marzo 2016 – ore 19.30
Convitto Nazionale Pietro Longone
via degli Olivetani, 9 – Milano

“partito parrocchiale possiede prolungatamente primato parlamentare. Poi, progressiva putrefazione politica provoca protesta pubblica piazza. Proposta proletaria prelude plumbeo periodo: pistole, pallottole, pestaggi, poliziotti, polvere pirica pressata, pirotecnici plichi postati per provocare pressioni. Papocchio prosegue. Pm palmi puliti promettono punizioni per politici prezzolati”.

Ecco come i Fratelli Dalla Via ridisegnano la realtà dei nostri giorni. L’alfabeto non è più quello che veniva insegnato alla scuola elementare: le sue lettere, attraverso le loro invenzioni, descrivono il nostro mondo in modo ironico, ma anche inquietante. Costruiscono dialoghi e monologhi che iniziano tutti con la stessa lettera e, miracolosamente, ne esce uno spaccato perfetto della nostra società, con pregi e difetti. Nello spettacolo il mondo ci sarà raccontato dalla A, più volte ripresa, dalla I di internet, dalla C di Cristo crocifisso, dalla F di favola, dalla S di sussidi sanitari, dalla P di poetica padana.

“Sappiamo leggere, scrivere, far di conto. Siamo intelligenti ma non ci applichiamo. Siamo espulsi da ogni scuola di ordine e grado. Siamo stati traditi da chi ci doveva tutelare, come Hansel e Gretel. Dopo questo rifiuto abbiamo trovato un altro posto dove studiare e l’abbiamo distrutto come fosse marzapane. E’ così che si è sviluppata in noi l’idea che la salvezza potesse essere in un originale modo di rinominare il mondo. C’erano una volta la A di ape, la B di barca, la C di casa… Abbiamo cambiato queste regole e per noi la A è di Attacco all’America, la G di Grande Guerra, la M di Merenda Macrobiotica… Sabotando il Devoto – Oli, il Sabatini – Coletti, il Castiglione – Mariotti, arrampicandoci su una struttura di tautogrammi e acrostici abbiamo scritto una favola scolastica che racconta il nostro desiderio di giocare con la “materia prima” parola. Drammatica elementare: un dissacrante abbecedario contemporaneo in forma di racconto.”
(Fratelli Dalla Via)

I Fratelli Dalla Via sono una piccola impresa famigliare che costruisce storie. Marta e Diego, dopo aver sviluppato parallelamente una serie di esperienze formative, professionali e umane, decidono di unire la propria voce in un percorso artistico comune. Nel farlo, accettano la sfida di abitare e lavorare a Tonezza del Cimone, il paese sulle montagne vicentine dove sono nati. Sono da sempre sostenuti da Roberto Di Fresco che si occupa di illuminare e musicare tutte le loro creazioni.
La loro prima scrittura per la scena è Piccolo Mondo Alpino, progetto vincitore del Premio Kantor 2010, spettacolo prodotto dal CRT di Milano e vincitore del premio speciale della giuria nel concorso drammaturgico CTAS Oltrelaparola nel 2011. Il testo viene rappresentato nelle stagioni successive in tre differenti versioni, l’ultima, nella traduzione francese, viene allestita dal Théâtre de l’Opsis a Montreal (Québec) nella primavera 2013 sempre con la regia di Marta Dalla Via.
Fin da questa prima prova si vanno definendo le intenzioni e le matrici espressive e linguistiche del loro percorso. Gli stereotipi e il territorio, la fragilità umana ed economica, diventano ulteriore oggetto di studio e approfondimento nell’ambito di Fattore P, una cena-spettacolo ospitata all’interno della 33° edizione del Bassano Opera Estate Festival Veneto.
È una tappa di avvicinamento alla loro seconda prova drammaturgica: Mio figlio era come un padre per me, vincitore del Premio Scenario 2013. Lo spettacolo debutta al Franco Parenti di Milano e viene successivamente rappresentato in quasi ottanta città nel corso delle stagioni 2014 e 2015. Nel giugno 2014 i Fratelli Dalla Via vincono il Premio Hystrio Castel dei Mondi.
Il loro nuovo progetto Drammatica Elementare ha debuttato a Vicenza il 26 febbraio 2016 ed è pronto per una tournée che, a oggi, ha registrato il tutto esaurito.


Convitto Nazionale Pietro Longone

Abbiamo scelto di ospitare questo singolare spettacolo nel teatrino di un’istituzione cittadina gloriosa: il Convitto Longone, che, accanto alla scuola elementare e media, ospita allievi delle accademie d’arte di Milano, ad esempio la Scuola di Ballo della Scala. Vi hanno studiato, fra gli altri, Giuseppe Parini, Alessandro Manzoni, Federico Confalonieri, Carlo Cattaneo, padre Agostino Gemelli, Luigi Bocconi, Giorgio Strehler, Sergio Romano.

Convitto Nazionale Pietro Longone


Stampa