STANZE

  /  2015   /  Così su due piedi

di Davide Grillo e Daniela Piperno
con Daniela Piperno
si ringrazia per la partecipazione Laura Lusardi

25 giugno 2015, ore 20.30
casa Marrazzi-Bertè
via dei Conti 10 – Rivalta di Gazzola (PC)

Lo spettacolo è nato da una ”chiamata”, quella di Andrée Shammah, direttrice del Teatro Franco Parenti di Milano. Stava organizzando delle serate in cui un attore avrebbe raccontato la sua vita.
La proposta lì per lì mi ha terrorizzata; l’attore infatti passa la vita nascondendosi dietro le sembianze dei personaggi che interpreta ed è in questo modo un po’ vigliacco che riesce ad avere a che fare col mondo. Mettersi a nudo e per di più di fronte a una platea per
un attore è quasi un paradosso. Ho passato una notte d’inferno e poi le ho detto di sì, forse per sfidare me stessa e le mie reticenze, o forse solo perché si trattava di un’esperienza assolutamente nuova.
Così ho fatto risalire alla memoria gli snodi, gli incontri, gli assilli di questa mia vita, scandita dalla presenza costante dei cani che mi hanno accompagnato: Trilli, Nina, Zuki, Cina (e si sa quanta contiguità ci sia tra cani e attori).
E, se è vero che la narrazione che uno fa di sé si mangia sempre la verità, è anche vero che ricordi quello che per te ha significato qualcosa, ti ha mosso, e su quello ti sei costruito la personalità.
Alla fine, volente o nolente ho capito che il sentimento che mi determina è il tragicomico: quel bilico tra tragedia e commedia che a me pare spieghi più di tutto la nostra inadeguatezza nello stare al mondo.

Daniela Piperno
Teatro – Inizia costituendo il Teatro dell’Elfo di Milano con cui resta per tre anni. In seguito, insieme a Lucia Vasini e Pia Engleberth, dà vita al trio comico “Sorelle Sister”.
Lavora poi per nove anni con Carlo Cecchi: La locandiera, Finale di partita, Misura per misura, La dodicesima notte.
Con Andrée Shammah, Peter Pan.
Con Alessandra Cutolo, Uno di Gabriele Frasca.
Per la regia di Alessandro Machia, Sogno d’autunno di Jon Fosse.
Per Face à Face, Due vecchiette vanno al Nord di Pierre Notte, regia Marcello Cotugno. Con la regia di Andrea De Rosa: Manfred di Byron, musiche di Robert Shumann.
Con la regia di Lucia Calamaro è nello spettacolo L’origine del mondo.
Con Giuseppe Bertolucci è nello spettacolo The good body-Il corpo giusto di Eve Ensler
Cinema Pane e Tulipani, regia Silvio Soldini; Le ombre rosse, regia di Citto Maselli; Si può fare, regia di Giulio Manfredonia; Cado dalle Nubi di Checco Zalone; Quando la notte, regia di Cristina Comencini; Il volto di un’altra, regia di Pappi Corsicato; I Cammelli e L’amore probabilmente regia di Giuseppe Bertolucci.
Televisione Il povero soldato, regia Mario Morini; Professione farabutto, regia Alberto Sironi; Proffimamente non Stop, regia Enzo Trapani; Yerma di Garcia Lorca, regia Marco Ferreri; Rex, regia Manetti Bros; Una favola spinta, regia Guido Tosi.