STANZE

  /  2012   /  Prodigioso delirio

ispirato allo studio di Sigmund Freud sul caso clinico del Dottor Schreber
con Mario Sala
regia di Lorenzo Loris

prima tappa di lavoro

29 ottobre, 5 e 12 novembre 2012 – ore 21.00
Case private – Milano

sabato 10 novembre 2012 – ore 16.00
Discoteca Sogemi – via Lombroso, 54 (Ortomercato) – Milano

Daniel Paul Schreber, presidente della Corte d’Appello di Dresda, figlio di un illustre educatore dalle idee ferocemente rigide, ebbe nel 1893, a cinquantun anni, una grave crisi nervosa ed entrò nella clinica psichiatrica di Lipsia. La crisi aveva avuto inizio quando un giorno, nel dormiveglia, il presidente Schreber si era trovato a pensare “che dovesse essere davvero molto bello trasformarsi in una donna che soggiace alla copula”. A partire da questo momento si sviluppò in lui un prodigioso delirio da cui nacque il desiderio di trasmettere i suoi pensieri attraverso la scrittura delle sue memorie. Della eccezionale importanza del testo di Schreber si accorsero Jung e soprattutto Freud che a partire da quest’opera formulò la teoria sulla paranoia.
Trasformando questo “caso” in materia teatrale, il regista ha puntato sulla possibile e totale identificazione del pubblico nella vicenda: come se, raccolto in una stanza, riuscisse davvero a trovarsi segregato, come il paziente, in una delle celle della clinica universitaria per malattie nervose.

Lo spettacolo Prodigioso delirio esce eccezionalmente dagli appartamenti dove è in programmazione nell’ambito della rassegna Stanze si potrà vedere sabato 10 novembre, alle ore 16, con ingresso libero, nella discoteca Sogemi di via Lombroso, uno dei luoghi frequentati dalle cosche mafiose e riaperto per il Festival dei beni confiscati alle mafie promosso dal Comune di Milano.



Stampa